Resti di supernova a tutta velocità

A 20.000 anni luce dalla Terra i resti di una stella esplosa stanno viaggiando a velocità superiori a 30 milioni di chilometri all’ora, un dato 25.000 volte maggiore di quello in cui si propaga il suono sulla Terra. Oggetto della misura, i detriti della supernova Kepler – la cui esplosione fu osservata per la prima…

I telescopi dell Eso hanno “catturato” una farfalla spaziale

Uno zoom su una nebulosa planetaria davvero spettacolare: Ngc 2899, appena ritratta in tutto il suo splendore dal Very Large Telescope dell’Eso Il Very Large Telescope dell’Eso, situato nel deserto di Atacama (in Cile) ci regala una ripresa spettacolare di Ngc 2899: una nebulosa planetaria a forma di farfalla, qui con un livello di dettaglio senza…

Misteriosi proiettili di gas freddo dal centro della Via Lattea

Un gas denso e freddo è stato ‘sparato’ dal centro della Via Lattea. E’ quanto sostiene un nuovo studio pubblicato sulla rivista Nature. Il modo esatto in cui il gas è stato espulso è ancora un mistero, ma secondo Naomi McClure-Griffiths dell’Australian National University (ANU), che ha partecipato alla ricerca, «questa scoperta potrebbe avere importanti…

CORONAVIRUS: il VIROLOGO Palù lancia la BOMBA! Ecco perché il COVID-19 potrebbe NON essere NATURALE

CORONAVIRUS: il VIROLOGO Palù lancia la BOMBA! Ecco perché il COVID-19 potrebbe NON essere NATURALE Le parole del virologo PalùSecondo Giorgio Palù, professore emerito all’Università di Padova ed ex presidente della Società europea di virologia, il coronavirus potrebbe non essere di origine naturale.Infatti “contiene innesti che possono arrivare dagli animali, ma anche dall’uomo”. Palù sta…

Ecco come il nostro cervello si “ripara” durante la notte

Mentre dormiamo il nostro cervello si “autopulisce” dalle tossine: la scoperta dei ricercatori della Boston University consentirà di studiare meglio diversi disturbi neurologici e malattie come l’autismo e il morbo di Alzheimer. In queste immagini lo straordinario “lavaggio del cervello” Follow @BIItaly

Oumuamua, l’asteroide interstellare che continua a lasciare perplessi gli scienziati

L’ultima ipotesi accreditata presupponeva che si potesse trattare di un ‘iceberg spaziale’ composto da idrogeno molecolare ghiacciato. Ora gli scienziati confutano anche questa teoria e Oumuamua continua a restare un mistero.I risultati della modellazione del comportamento dell’idrogeno ghiacciato in condizioni spaziali hanno mostrato che l’asteroide Oumuamua non può essere un “iceberg di idrogeno”. Pertanto, gli…