La Francia “processa” Polanski, J’accuse diventa J’abuse: proteste contro il film (che per il…

La Francia “processa” Polanski, J’accuse diventa J’abuse: proteste contro il film (che per il…

L’ufficiale e la spia, in uscita in Italia il 21 novembre, di cui vi offriamo una clip esclusiva, era stato presentato a Venezia. Le manifestazioni, con irruzioni dentro le sale, arrivano dopo la denuncia di una ex attrice

| 18 Novembre 2019

Manifestazioni di protesta fuori dai cinema di Parigi. Irruzioni dentro le sale con interruzione della proiezione come a Rennes. Una nuova accusa contro Roman Polanski per la violenza sessuale che l’ex attrice e fotografa Valentine Monnier sostiene di aver subito dal regista nel 1975. Il titolo del film che in ogni cartellone di protesta si trasforma da J’accuse in J’abuse. Inutile, del nuovo film del regista, L’ufficiale e la spia – in uscita in Italia il 21 novembre, di cui vi offriamo una clip esclusiva-, saremo costretti a parlarne con la scure al collo di un #MeToo ancora pungente ma a tratti imbarazzante. Non ci è riuscita Lucrecia Martel, presidente di giuria al Festival di Venezia, a separare l’opera dall’artista, dopo infinite polemiche in mondovisione, premiando l’opera con il Leone d’Argento – Gran Premio della Giuria (ricordiamo che ha pur vinto Joker). Figuriamoci se potranno riuscirci semplici spettatori bombardati dai colpi di medioevali e sbuffanti spingarde. Tra l’altro lo avevamo scritto tirandoci dietro commenti altrettanto ridicoli dai puristi au contraire: Polanski è, e in qualche modo si sente, Dreyfus. Punto.

L’ufficiale dell’esercito francese, di origine ebraica, degradato e arrestato per alto tradimento nell’agosto 1895, confinato sull’Isola del Diavolo, e infine riabilitato dopo più di un decennio grazie all’intervento di Emile Zola, di un quotidiano progressista, di qualche politico e di un onesto ufficiale dei servizi segreti pentito. Non ci voleva un genio. Tutti penseranno ad una metafora attinente al personale dell’autore, proprio perché a questa metafora bisogna (anche) pensare dopo aver visto il film. Dell’intensa ispirazione di Polanski ne abbiamo parlato qui. L’eterna poetica della vittima rimasta incastrata in un terribile gioco più grande di lei, l’incubo horror che attraversa l’intera carriera dei personaggi ideati da Polanski, da Rosemary’s Baby a Oliver Twist, da L’inquilino del terzo piano a Il Pianista, si riaffaccia prepotente specchiandosi in una volontaria persecuzione ad personam tra le più barbare montature giudiziarie della storia europea.

L’ufficiale e la spia è un’opera solidissima, dalla suspense congegnata al millimetro, addirittura calligrafica in una ricostruzione d’ambiente e storica estremamente cupa e brumosa, dai dettagli di abiti, oggetti, acconciature, linguaggio, e postura che vibrano di un realismo denso e incessante. Diciamolo poi, giocando nuovamente di sponda: se Polanski prendesse a pretesto il caso Dreyfus unicamente, sottolineiamo unicamente, per discolparsi daviolenze compiute nel passato sarebbe un essere così diabolico che Freddy Krueger a confronto sarebbe un principiante.

Tra un ritmo inizialmente da spy story e una parte finale più ingessata da courtroom movie, Polanski non cerca soltanto di mostrare la pura sopravvivenza della vittima, quanto di marchiare col fuoco una verità storica catartica ed inoppugnabile. Prova maiuscola di Jean Dujardin (è il colonnello Picquard che scopre le magagne nei servizi segreti dell’esercito) e del silente Louis Garrel che fa Dreyfus. Co-produzione franco-italiana che vede in prima fila, con rinnovato entusiasmo, la Casanova Multimedia di Luca Barbareschi.


close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo.
Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla.
L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro.
I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire
sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi
de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare
il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,


Peter Gomez

Articolo Precedente

Cesare Bocci e la moglie Daniela Spada: “Ha avuto un ictus dopo il parto. Un medico stron** lo scambiò per una crisi di nervi”

prev


Articolo Successivo

Kate Middleton come Meghan Markle, via due assistenti in un mese: le dimissioni della sua segretaria personale stupiscono la Corte

next


Read More

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.