Mediaset: via libera ad Mfe. In Olanda rigettato il ricorso di Vivendi

mercoledì 26 febbraio 2020 19:29 Marco Leardi

Pier Silvio Berlusconi

Da un’aula di giustizia all’altra, prosegue lo scontro tra MediasetVivendi. Stavolta, con un punto a favore del gruppo di Cologno Monzese. Il Tribunale di Amsterdam ha infatti rigettato il ricorso dell’azienda francese con il quale si chiedeva di “bloccare la fusione transfrontaliera tra Mediaset e Mediaset España” e cioè la realizzazione del progetto Mfe-MediaForEurope. Lo comunica, in una nota, il Biscione.

Mediaset chiaramente esulta e ribadisce che il suo progetto della tv free paneuropea è pertanto confermato e procede. Vivendi, che detiene il 28,8% del capitale del Biscione, aveva fatto ricorso d’urgenza e nel merito in tutte le sedi possibili: Milano per il gruppo di Cologno, Madrid per quello di Telecinco e Amsterdam per Mfe.

Dopo il via libera da Amsterdam ed il pronunciamento del Tribunale di Milano, che nelle scorse settimane aveva sbloccato la fusione con Mediaset Espana e quindi l’avvio di Mfe, resta solo da attendere la decisione del Tribunale di Madrid sul ricorso presentato da Vivendi in Spagna, dove le delibere di fusione sono ancora congelate.

La battaglia legale, però, è destinata a proseguire anche in Olanda, dove Vivendi ha annunciato di voler presentare un ulteriore ricorso.

Vivendi ha preso atto della decisione odierna della corte di Amsterdam nel procedimento cautelare. Vivendi presenterà un appello contro questa decisione dal momento che se il piano di fusione di Mediaset andasse avanti, porterà ad un danno sproporzionato per tutti gli azionisti di minoranza (…) La Corte ha deciso che non è stato possibile condurre una discussione completa poiché Mediaset ha presentato una nuova proposta di fusione pochi giorni fa. La nuova proposta deve prima essere esaminata da un notaio. Se il notaio dovesse decidere che la fusione può andare avanti, la Corte ha stabilito che Vivendi può presentare una nuova richiesta di provvedimenti provvisori

ha comunicato Vivendi tramite un portavoce. Il gruppo francese ha inoltre sottolineato il fatto che la decisione della Corte d’Appello spagnola del 17 febbraio scorsoimplica che la fusione rimanga sospesa fino a quando non verrà presa una decisione nel merito in estate“.


Articoli che potrebbero interessarti

Read More

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.