Risparmi al sicuro e rendimento certo con i BTP

Risparmi al sicuro e rendimento certo con i BTP

Danno un rendimento certo e sono garantiti dal MEF, il Ministero dell’Economia e delle Finanze. Sono acquistabili facilmente da qualunque risparmiatore e sono indicati per chi voglia investire i propri soldi e dormire sonni tranquilli. Stiamo parlando dei Titoli di Stato e in particolare dei BTP, Buoni del Tesoro Poliennali.

Risparmi al sicuro e rendimento certo con i BTP

I Titoli di Stato sono obbligazioni emesse dai Governi per finanziarsi sul mercato. Quando vengono emessi, posso essere acquistati dai privati risparmiatori o in fase di sottoscrizione o direttamente in Borsa. Quelli emessi dal Governo italiano sono scambiati sul MOT, il segmento dedicato di Borsa Italiana.  Sul MOT si trovano tutti i Titoli di Stato emessi dal nostro Governo compreso i BTP. I Buoni del Tesoro Poliennali sono dei particolari tipi di obbligazioni governative. Hanno una cedola fissa, che viene pagata ogni 6 mesi. La cedola è in percentuale e paga un corrispondente valore in denaro pari alla percentuale della cedola moltiplicata per il valore nominale. Questo valore è in genere pari a 1000 euro

I buoni del Tesoro poliennali più amati dal mercato

Risparmi al sicuro e rendimento certo con i BTP. Facciamo un esempio e prendiamo uno dei BTP più comprati sul mercato, il Buono del Tesoro Poliennale con scadenza nel 2067. Il titolo ha una cedola del 2,8% e quindi ogni anno lo Stato pagherà per ogni BTP posseduto 28 euro lorde E questo accadrà per tutta la durata del titolo, fino alla scadenza del 2067. Per la precisione le cedole sono semestrali e ogni 6 mesi il BTP paga metà del valore della cedola, in questo caso 28 euro diviso 2, pari a 14 euro ogni semestre.

Un altro BTP molto apprezzato da mercato è quello con scadenza nel marzo del 2036. In questo caso la durata è minore ma anche la cedola è molto più ridotta, ovvero dell’1,45%. In pratica ogni sei mesi il Governo pagherà al suo possessore 7,25 euro per ogni BTP scadenza 2036. Molto acquistato anche il BTP a scadenza febbraio 2025. La sua durata residua è poco meno di 5 anni ma la sua cedola è veramente ridotta, pari allo 0,35%. In questo caso lo Stato ogni sei mesi pagherà al suo possessore la metà di 3,5 euro, ovvero 1,75 euro lordi. Poco più di un cappuccino!

Read More

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.