Mercato auto, vendite ancora giù a giugno: -24,1% in Europa. In 6 mesi immatricolate 3 milioni di auto in…

Mercato auto, vendite ancora giù a giugno: -24,1% in Europa. In 6 mesi immatricolate 3 milioni di auto in…

Primi timidi segnali di risveglio del mercato europeo dell’auto che frena la caduta. Traina la Francia spinta dal maxi piano di incentivi. Flessioni a due cifre per tutti i grandi marchi

| 16 Luglio 2020

Qualcosa si muove nel mondo delle quattro ruote ma la strada per il ritorno alla normalità è lunga. Secondo i dati dell’Acea – l’associazioni dei costruttori europei – lo scorso giugno si è chiuso con un calo delle immatricolazioni del 24,1%, in lieve miglioramento rispetto al -56,8% di maggio. In totale nei primi sei mesi del 2020 sono state vendute 5,1 milioni di vetture, vale a dire 3,3 milioni in meno rispetto a gennaio-giugno 2019.

Tra i singoli paesi spicca, in controtendenza, il + 1,2% della Francia rispetto al giugno 2019, si fa sentire il maxi piano di incentivi da 8 mld di euro varato dal governo Macron. Per il resto una sfilza di segni meno ma si va da un contenuto – 1,8% del Belgio al quasi – 50% della Croazia. Focalizzandosi sui grandi mercati, la Germania chiude con un – 32%, la Gran Bretagna – 35%, la Spagna – 36%. Un poco meglio l’Italia con un – 23%.

Tra i singoli gruppi a soffrire di più sono Fca e Psa che proprio ieri hanno annunciato che il gruppo che nascerà della loro fusione avrà nome “Stellantis”. Il Lingotto registra un – 28,1% sull’anno prima e lima la sua quota di mercato dal 6,1 al 5,7%. Male in particolare i marchi Alfa Romeo e Jeep. I francesi segnano un – 28,6% nonostante il buon dato complessivo del mercato domestico.Non molto diverse comunque le flessione dei concorrenti, dal – 27% di Volkswagen al – 26% di Bmw e al -24% di Ford fino al – 20% di Daimler. Contiene il danno Renault che archivi il mese con un – 16,6%.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento
abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro,
svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi
di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi,
interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico.
La pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre dei ricavi limitati.
Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci.
Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana,
fondamentale per il nostro lavoro.


Diventate utenti sostenitori cliccando qui.


Grazie
Peter Gomez

GRAZIE PER AVER GIÀ LETTO XX ARTICOLI QUESTO MESE.

Ora però siamo noi ad aver bisogno di te.
Perché il nostro lavoro ha un costo.
Noi siamo orgogliosi di poter offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti ogni giorno.
Ma la pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre ricavi limitati.
Non in linea con il boom accessi a ilfattoquotidiano.it.
Per questo ti chiedo di sostenerci, con un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana.
Una piccola somma ma fondamentale per il nostro lavoro. Dacci una mano!

Diventa utente sostenitore!


Con riconoscenza
Peter Gomez


ilFattoquotidiano.it

Articolo Precedente

Tesla supera Toyota: la casa automobilistica di Elon Musk ha il più alto valore al mondo

next


Read More

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.