Venezia 77, i quattro film in concorso e gli altri italiani della Mostra

Venezia 77, i quattro film in concorso e gli altri italiani della Mostra

Al Lido dal 2 al 12 settembre

L’annuncio del direttore Alberto Barbera. Nella sezione Orizzonti debutta come regista Castellitto jr. 

Condividi

Saranno 4 i film italiani in concorso alla 77esima Mostra Internazionale d’Arte cinematografica di Venezia, dal 2 al 12 settembre. Lo ha annunciato il direttore Alberto Barbera, presentando il programma della Mostra durante una conferenza stampa in streaming.

In gara per il Leone d’Oro, “Le sorelle Macaluso” di Emma Dante, tratto da una piéce teatrale scritta dalla regista sul tema della famiglia e sui legami di sangue; “Miss Marx” di Susanna Nicchiarelli, sulla vita della seconda figlia di Marx, una delle prima donne ad accostarsi al femminismo; “Padrenostro” di Carlo Noce, prodotto da  Andrea Calbucci, Maurizio Piazza e Pierfrancesco Favino (che inoltre lo interpreta); “Notturno”, di Gianfranco Rosi, frutto di due anni di esplorazione in Siria, in cui, dice Barbera, “non vedrete immagini di combattimento, ma la devastazione lasciata negli individui in un conflitto atroce e disumano”. 


 


Il concorso della sezione Orizzonti di Venezia 77 vede in lizza l’esordio di Pietro Castellitto come regista, con il suo “I predatori”, che ha anche scritto e interpretato. Al suo fianco, nel cast, compaiono Massimo Popolizio, Manuela Mandracchia, Giorgio Montanini, Dario Cassini, Anita Caprioli, Marzia Ubaldi, Antonio Gerardi, Nando Paone e Vinicio Marchioni. E’ la storia di due famiglie di estrazione completamente diversa, i Pavone e i Vismara, nuclei opposti che condividono la stessa giungla, Roma, e che la follia di un ventenne farà entrare in contatto. “Un esordio curioso e promettente – ha detto il direttore Alberto Barbera – nei ‘I predatori’ c’è cattiveria, satira e coraggio di osare”.


 


A chiudere la 77esima Mostra del cinema sarà ancora un film italiano, “Lasciami andare” di Stefano Mordini, un thriller psicologico con Stefano Accorsi, Valeria Golino, Maya Sansa e Serena Rossi, girato a Venezia.


 


“Salvatore – shoemaker of dreams”, invece, è il docufilm di Luca Guadagnino sulla storia di Salvatore Ferragamo, ciabattino sbarcato a Hollywood dalla sua Bonito, provincia di Avellino. Tra i 10 film non fiction Fuori Concorso annunciati dal direttore Alberto Barbera altri tre italiani: Giuseppe Pedersoli con il suo “La verità sulla Dolce vita” che con documenti inediti ricostruisce la storia del capolavoro di Fellini, “Molecole” di Andrea Segre e “Paolo Conte, via con me” di Giorgio Verdelli. Il cantautore sarà a Venezia l’11 settembre.

Tutti i film 


In Between Dying di Hilal Baydarov


Le Sorelle Macaluso di Emma Dante


The World To Come di Mona Fastvold


Nuevo Orden di Michel Franco


Amants (Lovers) di Nicole Garcia


Laila In Haifa di Amos Gitai


Dorogie Tovarischi (Dear Comrades) di Andrei Konchalovsky


Spy No Tsuma (Wife Of A Spy) di Kiyoshi Kurosawa


Khorshid (Sun Children)  di Majid Majidi


Pieces Of A Woman di Kornél Mundruczó


Miss Marx di Susanna Nicchiarelli


Padrenostro di Claudio Noce


Notturno di Gianfranco Rosi


Never Gonna Snow Again di Magorzata Szumowska, coregia Micha Englert


The Disciple di Chaitanya Tamhane


Und Morgen Die Ganze Welt (And Tomorrow The Entire World) di Julia Von Heinz


Quo Vadis, Aida? di Jasmila Zbanic


Nomadland di Chloé Zhao

I 18 titoli coprodotti da Rai Cinema


Sono diciotto i titoli, tra film, documentari e cortometraggi, presenti al Lido nelle diverse sezioni della 77esima Mostra Internazionale del Cinema di Venezia coprodotti da Rai Cinema; quattro di questi sono distribuiti in Italia da 01 Distribution. “L’edizione della Mostra di quest’anno, voluta fortemente dal direttore Barbera e da tutte le istituzioni che la sostengono, è la risposta più incisiva che in questo momento l’industria cinematografica italiana può dare all’Italia e al mondo per rappresentare la vitalità e la forza del nostro cinema – dice Paolo Del Brocco, amministratore delegato di Rai Cinema -. Un appuntamento necessario per dare il via a un’effettiva ripartenza, e rimettere in moto tutta la macchina del cinema che, come e forse più di altri settori, vive ancora momenti di sofferenza. La selezione di grande qualità dei film coprodotti da Rai Cinema presente quest’anno suggerisce al pubblico il desiderio di tornare in sala. Autori affermati, altri più sperimentali, opere prime, documentari: l’impegno è ricostruire quel tessuto di fiducia nei confronti del nostro cinema che possa ristabilire una continuità con i risultati positivi delle ultime stagioni”.

“Nel Concorso ufficiale della Mostra – spiega Del Brocco – presentiamo tre opere di grande forza visiva, molto diverse tra loro per stile e registro narrativo, due delle quali dirette da registe donne. ‘Notturno’ segna il ritorno di un grande autore, a noi particolarmente caro e vicino come Gianfranco Rosi che, anche questa volta, sceglie di raccontare con grande potenza narrativa e visiva le storie nascoste scovate nella quotidianità di chi vive tra la Siria, l’Iraq, il Kurdistan e il Libano. Il suo inconfondibile sguardo, che lo riporta in Concorso a Venezia dopo un Leone d’Oro e un Orso d’Oro, ci rivela un’umanità che supera i conflitti e i confini geografici e temporali.Gli altri due titoli in competizione sono ‘Miss Marx’ di Susanna Nicchiarelli e ‘Le sorelle Macaluso’ di Emma Dante. La prima, una regista di grande talento che accompagniamo fin dall’inizio nel suo percorso artistico, ora è pronta a rivelare la sua piena maturità per concorrere nella selezione principale con una storia appassionante vissuta tra contraddizioni sentimentali e lotta per l’emancipazione femminile. Mentre Emma Dante, che torna nel Concorso dove aveva esordito con la sua prima regia cinematografica vincendo una Coppa Volpi, con ‘Le sorelle Macaluso’ esplora i legami familiari di cinque donne di diverse generazioni.  Con particolare piacere – conclude Paolo Del Brocco – sottolineiamo inoltre l’importanza che l’apertura della Mostra sia affidata dopo ben undici anni a un film italiano: ‘Lacci’ di Daniele Luchetti, una storia di sentimenti e relazioni, interpretata da un cast straordinario”.

“Ben tre film documentari nella Selezione ufficiale per una generazione di registi che rivela un bisogno di testimoniare la contemporaneità insieme alla necessità di indagare il passato – aggiunge Nicola Claudio, presidente di Rai Cinema -. Il lavoro di Giorgio Verdelli ‘Paolo Conte – Via con me’, ci mostra un affascinante ritratto ricco di materiali inediti di uno dei cantautori italiani più apprezzati e amati dal pubblico; ‘Guerra e pace’ di Massimo D’Anolfi e Martina Parenti, in una riflessione per immagini sulla lunga relazione tra cinema e guerra, dalle sequenze filmate dai pionieri del cinema nel 1911, in occasione dell’invasione italiana in Libia, fino ai giorni nostri con le riprese girate con gli smartphone. ‘Molecole’, di Andrea Segre, girato a Venezia, una testimonianza dello svuotamento e della sospensione delle nostre vite causate dal Covid-19 nei mesi passati, riflette sul rapporto tra la città e le acque attraverso i ricordi personali e familiari e gli incontri con i cittadini veneziani. E infine nella Settimana della Critica ‘The Rossellinis’, girato da Alessandro Rossellini, primo nipote del grande Maestro, che a 55 anni sotto il peso quasi insostenibile del cognome che porta affronta con ironia la saga della sua famiglia obbligando i parenti a una sorta di terapia familiare davanti alla macchina da presa”.

Ancora due titoli nel Concorso di Orizzonti: ‘I predatori’, esordio alla regia di Pietro Castellitto, che dimostra, già al suo primo lavoro, di possedere un linguaggio cinematografico molto personale. E ‘Nowhere Special’, il ritorno di un autore come Uberto Pasolini, che a Venezia aveva vinto il premio per la regia proprio in Orizzonti con il precedente ‘Still Life’.Molti ancora film, documentari e corti presenti alle Giornate degli Autori e alla Settimana Internazionale della Critica. Tra gli altri, l’ambiziosa opera prima di Carlo Hintermann ‘The Book of Vision’, il film di Giorgia Farina ‘Guida romantica a posti perduti’ con un cast d’eccezione che vede Clive Owen accanto a Jasmine Trinca, e il cortometraggio di Giorgio Diritti ‘Zombie’ sul tema dell’alienazione parentale.

Read More

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.