Gualtieri: riforma fiscale per ridurre Irpef. La ripresa? Ci sarà, ma va accompagnata

Gualtieri: riforma fiscale per ridurre Irpef. La ripresa? Ci sarà, ma va accompagnata

economia e fase 3

Parla il ministro dell’Economia a Repubblica: la fiscalità di vantaggio al Sud sarà rafforzata. Finanzieremo l’assegno unico per i figli con la riforma delle detrazioni e dei sussidi ambientali dannosi e col contrasto all’evasione. Il Recovery Plan? «Tutto su innovazione e transizione energetica»

default onloading pic
(Ansa)

Parla il ministro dell’Economia a Repubblica: la fiscalità di vantaggio al Sud sarà rafforzata. Finanzieremo l’assegno unico per i figli con la riforma delle detrazioni e dei sussidi ambientali dannosi e col contrasto all’evasione. Il Recovery Plan? «Tutto su innovazione e transizione energetica»

2′ di lettura

Il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, conferma che si sta lavorando ad una riforma fiscale per una riduzione dell’Irpef: «Apprezzo il modello tedesco di progressività con aliquota continua – ha spiegato il titolare del Tesoro dalle colonne di Repubblica – ma niente è ancora deciso». L’autunno? La ripresa va accompagnata: «Quella di contrastare i pesanti effetti economici del Covid-19 con un forte intervento anticiclico in deficit – ha aggiunto Gualtieri – è una strategia giusta, che abbiamo definito in modo condiviso a livello europeo e internazionale. Senza questi interventi, la crisi avrebbe avuto conseguenze economiche e sociali insostenibili».

Riduzione dell’Irpef

L’idea illustrata da Gualtieri sul fisco è una riduzione dell’Irpef, che l’esecutivo ha in parte già avviato quest’anno (con il bonus sui redditi dipendenti fino a 40mila euro, ndr). C’è poi l’assegno unico per i figli da finanziare, ha proseguito Gualtieri, «in parte con una riforma delle detrazioni e dei sussidi ambientali dannosi e in parte col contrasto all’evasione e che potrà essere implementato gradualmente per garantire l’equilibrio della finanza pubblica».

Rafforzeremo fiscalità di vantaggio al Sud

Gualtieri ha poi confermato l’intenzione di rafforzare la misura, contenuta nel decreto agosto, della fiscalità di vantaggio al Sud.

I rinvii delle scadenze fiscali

Quanto alle tasse, il ministro dell’Economia, ha detto che «la scadenza del 20 luglio è alle nostre spalle, ma nel decreto abbiamo rinviato al prossimo aprile il secondo acconto di novembre per Isa e forfettari che hanno subito perdite».

I dati economici migliorano

Gualtieri ha poi ricordato «i dati molto positivi della produzione industriale di maggio e giugno dopo il calo senza precedenti di aprile dovuto al lockdown e alcuni indicatori relativi a luglio mostrano che è in atto una forte ripresa del Pil. Poiché la caduta nel secondo trimestre stimata dall’Istat, cioè il 12,4%, è stata un pò inferiore alle nostre attese, il rimbalzo del terzo trimestre sarà probabilmente lievemente più contenuto del 15% ma pensiamo non lontano da quella cifra».

Read More

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.