Fondo nuove competenze, la sfida di Catalfo per rilanciare formazione e riqualificazione dei lavoratori

Fondo nuove competenze, la sfida di Catalfo per rilanciare formazione e riqualificazione dei lavoratori

tutela dell’occupazione

Nel decreto agosto incremento di 500 milioni. La dotazione totale del Fondo sale così a 730 milioni da utilizzare anche per il 2021 per favorire formazione e transizioni occupazionali.

di Claudio Tucci

default onloading pic
(ANSA)

Nel decreto agosto incremento di 500 milioni. La dotazione totale del Fondo sale così a 730 milioni da utilizzare anche per il 2021 per favorire formazione e transizioni occupazionali.

2′ di lettura

Il ministro del Lavoro, Nunzia Catalfo, evoca addirittura lo Statuto dei lavoratori, che quest’anno ha compiuto 50 anni, per far capire la “portata” del nuovo strumento, inserito nel decreto Rilancio, e potenziato ora dal decreto Agosto, per dare, finalmente, una svolta al nostro sistema di formazione e di politiche attive. Si tratta del «Fondo nuove competenze», che per la titolare del dicastero di Via Veneto a Roma rappresenta una vera e propria sfida per allineare le competenze del personale alle effettive richieste di nuovi profili da parte del mondo produttivo.

Lo scollamento scuola-lavoro

Sono anni che su questo giornale tutti i principali stakeholder, da Unioncamere alla stessa Confindustria, lamentano un mismatch dilagante, vale a dire uno scollamento tra mondo della formazione e mondo del lavoro, a danno di giovani e non. Un mismatch che parte quindi dalla scuola ma che investe un pò tutta la carriera lavorativa della risorsa, visti i rapidi cambiamenti indotti dalle nuove tecnologie e dalle sfide dei mercati. E purtroppo anche dalle moltissime vertenze aziendali in corso.

Cos’è il Fondo nuove competenze

Ma che cos’è questo strumento? Il «Fondo Nuove Competenze» è stato istituito nel decreto Rilancio. Consente alle parti sociali di stipulare contratti collettivi aziendali o territoriali per convertire temporaneamente una parte dell’orario di lavoro in formazione professionale finanziata dallo Stato. Nello specifico, per i datori di lavoro, ha spiegato in più occasioni il ministro Catalfo, «questa misura non solo è a costo zero ma costituisce un utile strumento per rispettare gli obblighi derivanti dai protocolli di sicurezza, facendo fronte alla necessità di prevenire i contagi nei luoghi di lavoro. Inoltre, rispetto alla tradizionale cassa integrazione, questo strumento ha il grande pregio di mantenere i lavoratori qualificati e formati assicurando all’impresa non solo di non perdere ma addirittura di rafforzare il know-how aziendale».

La “rimodulazione” dell’orario

Il provvedimento, almeno stando alle indicazioni di legge, consente perciò una “rimodulazione” dell’orario: ciò significa che l’accordo non può incidere sulla quantità di ore ma solo sulla variazione di destinazione delle ore già concordate, tenendo conto delle mutate esigenze organizzative e produttive dell’impresa e stabilendo quindi che una parte dell’orario vada finalizzato a percorsi formativi.

Nel decreto agosto altri 500 milioni in più

Ecco allora che il «Fondo nuove competenze», è il ragionamento del governo, può essere di aiuto a investire nella formazione continua, nella riqualificazione professionale e nell’accrescimento delle competenze del lavoratore. E per questo motivo nel decreto agosto la dote iniziale di 230 milioni è stata portata a 730 milioni, con un investimento, quindi, di altri 500 milioni su due anni.

Read More

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.