Inaudita intimidazione al giudice Lepore di Napoli

mercoledì 22 Luglio 2009 - Cronaca

Inaudita intimidazione al giudice Lepore di Napoli Una bottiglia molotov è stata lanciata all'interno dell'auto di un giudice donna dell'Ufficio Gip di Napoli. La macchina completamente bruciata era una Mazda e l'episodio è avvenuto nella notte tra il 7 e l?8 luglio. Per il procuratore capo di Napoli Giandomenico Lepore quanto accaduto è gravissimo ed è indice di una strategia del terrore che si fa strada anche all'interno della criminalità organizzata.

 E’ “la prima volta – ha aggiunto Lepore - che viene usata una molotov contro l’auto di un magistrato o di qualcun altro”. Il magistrato, vittima dell’atto intimidatorio, il cui nome è mantenuto in riserbo, non è provvista né di auto blindata né di tutela; qualche giorno fa ha convalidato l’arresto di Marco Ricci, killer dei Quartieri Spagnoli che insieme ad altri complici il 26 maggio scorso ha sparato per errore al musicista rumeno Petru Birlandeandu uccidendolo.

Si tratta dello stesso magistrato che ha emesso misure di custodia cautelare per pubblici funzionari e presunti boss di Giugliano.

Tullio Morello, presidente della giunta distrettuale dell’Anm, ha espresso viva protesta per “l’assoluta mancanza di sicurezza dei magistrati del distretto”. In attesa che si esprima il comitato dell’ordine e sicurezza pubblica il presidente dell’ufficio Gip, Bruno D’Urso, ha predisposto una prima tutela per il magistrato che ha subito l’attentato.



  1. raffaele scrive:

    questo accade solo alle persone che fanno il loro lavoro onesto.ma significa pure che la mala vita sta perdendo i colpi,ma se tutti i magistrati ,di napoli farebbero,il loro lavoro, be, credo che pure loro avrebbero lo stesso problema.vada avandi e un grosso in bocca al lupo.auguri.

Cosa ne pensi di questa notizia?

   

Se le lettere non fossero abbastanza chiare, premere F5 per cambiarle