Venerdi nero dei trasporti: Italia nel caos

venerdì 16 Dicembre 2011 - Viabilità

Venerdi nero dei trasporti: Italia nel caos Tra i disagi che sta creando lo sciopero degli autobus e delle linee della metropolitana c'è l'aumento esponenziale del traffico delle auto: circolazione molto più intensa e disordinata, diverse le strade bloccate a causa della quantità di automobili per le vie della città. Tanti i taxi in giro per sopperire alla mancanza dei mezzi pubblici.

“Sono molto alte, secondo i primi dati, le adesioni su tutto il territorio nazionale allo sciopero di 24 ore degli addetti al trasporto pubblico locale e ferroviario”. E’ quanto riferiscono FILT CGIL, FIT CISL, UILtrasporti, UGLtrasporti, Orsa trasporti, Faisa e Fast sottolineando che “la protesta è stata indetta per il ripristino dei finanziamenti al servizio pubblico locale ed al servizio ferroviario universale e per il nuovo contratto della Mobilità”.

Lo sciopero che proseguirà fino alle 21 nel trasporto ferroviario e fino al termine del servizio nel trasporto pubblico locale, “registra – sottolineano i sindacati – lo stop di quasi tutti i treni non garantiti dalla legge e, dopo l’alta adesione di ieri nella maggior parte dei collegamenti extraurbani, un’elevatissima partecipazione anche nei trasporti pubblici delle principali città. A Roma sono ferme le due linee della metropolitana i collegamenti ferroviari concessi con Roma Pantano e Lido, la Roma Viterbo e oltre l’80% dei bus con punte del 95% nella aziende private; a Milanochiuse le tre linee della metropolitana e fermi oltre il 60% dei mezzi pubblici; a Torino chiusa la metropolitana e fermi circa il 90% dei bus; Genovaferma la metropolitana e le funicolari ed adesioni del 98% dei mezzi di superficie; a Veneziafermi 70% dei vaporetti ed a Mestreil 86% dei bus, a Bologna ieri adesioni del 95% nella circolazione, a Firenze stop all’82% dei mezzi di superficie, a Napoli circumvesuviana, metropolitane e funicolari sono ferme l’80% dei mezzi pubblici di superficie. Fermi oltre al 95% dei mezzi pubblici a Baricon adesioni fino al 98% e stop all’80% dei servizi urbani a Cagliari. Lo sciopero si sta svolgendo nel rispetto della legge sui servizi pubblici e sono garantiti i servizi minimi essenziali previsti.

Nel trasporto pubblico localelo sciopero prosegue a Romafino alle 17.30 e dalle 20 a fine servizio; a Milanofino alle 15 e dalle 18 al termine del servizio; a Napolifino alle 17 e dalle 20 a fine servizio; a Torinoriprende alle 15 a fine servizio; a Veneziae Mestrefino alle 16.30 e dalle 19.30 a fine servizio; a Genovafino alle 17 e dalle 21 a termine servizio; a Baririprende alle 15.30 a fine servizio; a Cagliaririprende dalle 14.45 fino alle 18.30 e dalle 20 alla fine del servizio.

Secondo i sindacati “per evitare il rischio di una drastica riduzione del servizio pubblico per il 2012 è necessario il ripristino delle risorse finanziarie necessarie a sostenere il trasporto pubblico locale e ferroviario e la sottoscrizione del contratto della Mobilità che sancisca le nuove regole per la gestione delle aziende e la regolazione del lavoro”.

laltrapagina.it

Cosa ne pensi di questa notizia?

   

Se le lettere non fossero abbastanza chiare, premere F5 per cambiarle